Matrimonio Cattolico Ebraico nei Pirenei - Destination Wedding Francia
1702
post-template-default,single,single-post,postid-1702,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,paspartu_enabled,paspartu_on_top_fixed,paspartu_on_bottom_fixed,qode_grid_1200,footer_responsive_adv,qode-theme-ver-10.1.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive
 

Matrimonio Cattolico-Ebraico nei Pirenei

Matrimonio Cattolico-Ebraico nei Pirenei

Fotografa Matrimonio Internazionale – Destination Wedding Francia

Home, is where I want to be
But I guess I’m already there
I come home, she lifted up her wings
I guess that this must be the place

I can’t tell one from the other
I find you, or you find me?
There was a time before we were born
If someone asks, this is where I’ll be, where I’ll be.

Talking Heads – This Must Be The Place

Il racconto del matrimonio di oggi è per me davvero molto emozionante. 

Ha luogo nei Pirieni, nella regione di Lot, in mezzo ai fitti boschi del centro della Francia.

Ha come protagonisti due ragazzi di Parigi, bellissimi, innamorati, e circondati da tantissimi amici e parenti che sono venuti da tutta la Francia per il loro matrimonio.

E’ stato il mio primo lavoro come destination wedding photographer, detto più semplicemente, il mio primo matrimonio fotografato all’estero.

Io e Alba siamo state in accolte nella vita degli sposi come due amiche che non vedevano da tempo, e abbiamo avuto modo di conoscerli nei tre giorni passati insieme.

La coppia, così come quasi tutti gli invitati, è di Parigi. Aynac “doveva essere il luogo” in cui celebrare il matrimonio. Quando il papà della sposa mi ha raccontato la loro storia, ho capito che la canzone perfetta per loro era proprio This Must Be The Place. 

Aynac è la città natale della mamma della sposa, scomparsa prematuramente, e buona parte della festa ha avuto luogo proprio in quella casa, comprata dai genitori di lei, la loro piccola “casetta sul monte” piena dei ricordi di una vita.

La cosa che più mi ha colpito di questo matrimonio è che gli sposi e gli ospiti si sono presi personalmente cura di tutto: hanno sistemato la location della cerimonia, preparato parte della cena per tutti e cento gli invitati (il resto è stato cucinato e portato in location da un catering biologico locale), allestito personalmente la sala della festa, e insieme hanno pure risistemato tutto il giorno dopo!

La cerimonia è stata celebrata nel giardino della casa sotto ad un gazebo coperto, seguendo la tradizione ebraica.

Dopo aver letto una lettera della mamma della sposa, lo sposo è entrato sotto al gazebo aspettando lei. La sposa è arrivata sopra ad uno dei cavalli del padre, e al suo fianco ha raggiunto il gazebo nuziale.

Dopo alcuni canti e letture, la parte centrale della cerimonia è iniziata: il rabbino ha letto alcune parti della Torah, bevuto dal calice di vino, e lo sposo ha fatto lo stesso. Dopo aver rotto il bicchiere (Mazel-tov!) il prete ha benedetto le fedi che gli sposi si sono scambiati.

E’ stata una cerimonia particolarissima, davvero emozionante.

Dopo la cerimonia è iniziata la prima parte del ricevimento, sempre nella casa di famiglia della sposa. Lì, il papà di lui e gli amici della coppia hanno fatto discorsi di ringraziamento agli sposi, cantato canzoni per loro, e intrattenuto gli ospiti tra risate e commozione.

Appena gli ospiti sono partiti per la location del ricevimento, abbiamo scattato qualche foto e ripresa di coppia con gli sposi, e alcune altre vicino alla sala della festa.

La location del ricevimento è stata interamente decorata dagli sposi e dai loro amici: giardini verticali con rami e foglie dei boschi della zona, tovaglie, candele e piatti comprati per l’occasione, lucine appese…

Appena gli sposi sono arrivati, dopo uno shot di pastis, sono scesi in pista a fare festa e hanno ballato assieme ai loro ospiti per tutto il tempo!

Il mio momento preferito è stato la tradizionale danza ebraica in cui gli sposi prima, e i papà poi, sono stati alzati sulle sedie dagli invitati.

Gli sposi non hanno tagliato la torta, ma l’hanno servita agli invitati, per poi tornare alla festa che è continuata con danze scatenate fino alle 5 di mattina.

E’ stato un matrimonio davvero unico, che non dimenticherò mai.

Sotto la selezione di immagini troverete la gallery completa (ridurre la scelta a sole 15 foto di preview questa volta è stato davvero difficilissimo!) e la Wedding Slideshow (avete già intuito che canzone ho utilizzato…) Buona visione 🙂

Destination Wedding Photographer France - Wedding in the PyreneesDestination Wedding Photographer France - Wedding in the PyreneesDestination Wedding Photographer France - Wedding in the PyreneesDestination Wedding Photographer France - Wedding in the PyreneesDestination Wedding Photographer France - Wedding in the PyreneesDestination Wedding Photographer France - Wedding in the PyreneesDestination Wedding Photographer France - Wedding in the PyreneesDestination Wedding Photographer France - Wedding in the PyreneesDestination Wedding Photographer France - Wedding in the PyreneesDestination Wedding Photographer France - Wedding in the PyreneesDestination Wedding Photographer France - Wedding in the PyreneesDestination Wedding Photographer France - Wedding in the PyreneesDestination Wedding Photographer France - Wedding in the PyreneesDestination Wedding Photographer France - Wedding in the PyreneesDestination Wedding Photographer France - Wedding in the Pyrenees

Credits

 

Location: Aynac, Regione di Lot (Francia)

Videografa: Alba Renna

Fotografa: Selene Pozzer

Wedding Slideshow

Matrimoni Recenti

No Comments

Post A Comment